Un secondo importante.

Datemi solo un altro secondo. Lo ripeto continuamente tra me e me. Quando mi chiedono che cosa mi turba, cosa mi affligge, me lo ripeto in continuazione, un secondo di meno e rischia di cadere la mia personalissima arma di difesa. 

Respira, non mi chiedo mai di sorridere, solo che non mi tremi la voce e che non mi si inondino gli occhi di lacrime. Solo un secondo, un secondo importante. 

Poi non capisco perché le persone si stupiscono nel vedermi triste, come se non facesse parte delle emozioni umane, come se dovessi sempre sentirmi in difetto, come se ci fosse sempre una colpa da attribuire a qualcuno o a qualcosa. Non sanno quanto mi risulti difficile spiegare come mi sento in quel momento quando vorrei solo poter scoppiare ed essere poi abbracciata in silenzio, invece non scoppio mai, con un macigno sul cuore ti guardo negli occhi e ripeto tra me e me: “solo un altro secondo”.. poi me lo si legge negli occhi la bufera che ho dentro, il grido d’aiuto lo lancio con gli occhi, in quel secondo dove vorrei solo essere capita senza dover sempre spiegare ogni cosa, quel secondo dove mi sento sopraffatta dalla voglia di gridarti fuori tutto ciò che ho dentro in quel momento e non lo faccio mai, bloccata dal solo pensiero di farti del male, chiudo tutto dentro una porticina, la aprirò a tempo debito.. intanto passa la giornata ad abbracciarmi, non farmi dire niente di più di quello che sei già riuscito a tirarmi fuori, fammi addormentare serenamente almeno finché non inizio a sognare, già lo so che saranno sogni pieni di frustrazione, che non dormirò molto in quelle notti dove vorrei soltanto piangere, ma tu abbracciami, placa sia il mio che il tuo animo..

Rimangono le lacrime in bilico dietro quegli occhi che sorridono, mentre vorrei avere la forza di dirti ciò che ho dentro in quel momento.. allora mi ritrovo a scrivertelo, parole che, forse, non leggerai mai e vorrei che tu capissi che mi rendi felice e mai triste, ma che mi capita di avere questi momenti di malinconia dove alla fine si, caro amore mio, alla fine piango, ti chiederai cosa puoi fare tu e credimi che me lo domando anche io. 

Ma tu non smettere di cullarmi fra le tue braccia. Che sento un po’ come casa mia.

Una risposta a "Un secondo importante."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...